una zattera contro correnteOttobre è un mese strano: certamente un poco malinconico perché davvero non concede più illusioni sul fatto che l'estate è finita, ma in fondo è anche una specie di promessa, l'inizio di qualcosa. (…) Quell'anno il mese regalò temperature miti e un cielo quasi sempre sereno: un clima che invitava a passare più tempo possibile fuori di casa. Ma subito gli insegnanti avevano messo in guardia tutti quanti dal lasciarsi prendere da un'eccessiva calma.

- Questo è l'anno dell'esame! Non dimenticatevelo. Quest'anno chi perde tempo se ne pentirà poi molto più amaramente che negli anni scorsi... perché l'esame non si prepara nell'ultima settimana: all'esame ci si prepara fin da ora!

La professoressa Berti aveva fatto di queste frasi una specie di mantra quotidiano.

Così la bellezza di quell'autunno, il clima mite, le foglie che coloravano di giallo, rosso e marrone i viali lungo il fiume, tutta la poesia, insomma, rischiava di essere soffocata da una precoce ansia da esame.

Ottobre dunque è un mese strano.

Per Gigi quel mese di ottobre fu forse il più strano della sua vita.

Fu in quel mese di ottobre che conobbe

Submit to FacebookSubmit to Google Plus

Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo. Informativa privacy.

  Accetto i cookie da questo sito.