Dieci buoni motivi per NON leggere "I fantasmi di Giulia"

I-fantasmi-di-Giulia1) Perché è scritto da un'autrice per ragazzi, e quella è una categoria di cui è meglio non occuparsi (e infatti nessuno se ne occupa).

2) Perché è ambientato in una casa sperduta di un paese sperduto in una campagna sperduta, e a voi piacciono solo le storie metropolitane (e neanche tutte).

3) Perché nella storia compaiono ben tre fantasmi, e si sa che i fantasmi non esistono.

4) Perché è una storia un po' morbosa, che parla anche di fantasmi interiori, e potrebbero nascere strane identificazioni. Meglio evitare.

5) Perché la protagonista è una femmina.

6) Perché la protagonista ha un ottimo rapporto con i suoi genitori e perfino con suo fratello, e voi invece non li sopportate proprio, e non sopportate neppure quei vostri coetanei che hanno un ottimo rapporto con i propri genitori.

7) Perché ve l'ha consigliato l'insegnante di lettere, quella che una volta ha parlato bene del Piccolo Principe. Questo, a dire il vero, non accadrà mai, perché se l’insegnante in questione ama Il Piccolo Principe, non vi consiglierà mai I fantasmi di Giulia.

8) Perché la cosa più bella del libro è la fantastica copertina della grande Vanna Vinci. Per ammirarla basta guardare il libro da fuori.

9) Perché se siete il target del libro, ovvero ragazzi dai dodici anni in su, forse avete di meglio da fare che leggere. Soprattutto se siete maschi. E qui scatta il motivo successivo.

10) Perché se, nonostante abbiate di meglio da fate, decideste comunque di leggerlo, potreste scoprire che leggere non è poi così male. Potreste tentare di procurarvi un altro libro e poi un altro ancora, e a quel punto sareste perduti.

 

Tratto da libri.tempoxme.it

 

Submit to Facebook