Caro Babbo Natale - Isabella Paglia

caro babbo natale“… Caro Babbo Natale, scusa se ti scrivo di nuovo ma ho ricevuto la tua risposta ed ho pensato che ti eri offeso perché avevo criticato il pigiama con gli orsetti giallo ( …) Per ora non hai risposto alle mie domande ed io dovrei sapere alcune cose prima di mandarti la lettera di Natale (… )

Io l’altra volta non te ne avevo parlato perché era una cosa molto difficile per me, però questa storia del calcetto non la sopporto proprio.
Io sono una schiappa ma proprio una schiappa totale.
Non sono neanche stato lì a dirti che sono un po’ grasso.
Del resto puoi capirmi perché non sei magro neache tu!..”

Michele vuole conoscere meglio il simpatico buon omone vestito di rosso ma la risposta alla sua prima lettera non o soddisfa, così scrive subito di nuovo.

Lo scambio di lettere tra i due continua, ma Babbo Natale si rivela meno cordiale del previsto fino a che …
Il divertente finale lo dovete scoprire da soli!
Scrivere per i bambini la: letterina a S.Lucia, a Gesù Bambino o a Babbo Natale è di fondamentale importanza per quello che viene chiamato:”il lessico psicologico” parte dello sviluppo di crescita di ogni bambino, ossia il parlare con “la mente” ascoltando e traducendo in parole le emozioni  e i desideri del proprio mondo interiore.
Caro Babbo Natale è il: ”ti racconto“ ma è soprattutto prima: “mi racconto, traduco il mio cuore, il mio animo…”
Azzeccata l’idea di questo diario, un viaggio di scoperta interiore del bellissimo mondo di Michele ma anche esteriore con rivelazioni eclatanti!
"Caro Babbo Natale", vincitore dell’edizione 2010 Premio Letterario “Storia di Natale”, è un'irriverente diario natalizio, illustrato da AntonGionata Ferrari come ci trovassimo di fronte ad un quaderno a righe della primaria con bozzetti, schizzi, freccette a colori molto accattivanti e impossibili da non amare.
Un libro tutto dalla parte dei bambini, quelli ormai “grandi” che non sono disposti  a lasciarsi prendere in giro ma che rimangono testardamente decisi a vivere la magia del Natale, costi quel che costi.

Isabella Paglia

da: bookavenue

Submit to Facebook