Non calpestate i nostri diritti

 

copertina unicef 215x300“La mia più grande ambizione è che ogni bambino in Africa vada a scuola perché l’istruzione è la porta d’ingresso alla libertà, alla democrazia e allo sviluppo”

Nelson Mandela

20 novembre 1989 – 20 novembre 2009.
Vent’anni fa veniva approvata a New York la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e i diritti dei bambini di tutto il mondo venivano finalmente riconosciuti. Il Battello a Vapore e  l’UNICEF festeggiano quest’importante anniversario con il libro Non calpestate i nostri diritti, in uscita oggi. Dieci autori di libri per ragazzi e dieci illustratori tra i più noti in Italia celebrano la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza con dieci racconti e dieci tavole illustrate a colori. Uguaglianza, identità, protezione, partecipazione, disabilità, salute, nutrizione e cure personali, istruzione, minoranze, gioco e tempo libero: i dieci diritti fondamentali dell’infanzia sono interpretati e raccontati ai ragazzi attraverso storie scritte con grande sensibilità e disegni suggestivi.  Il libro si apre con la prefazione della signora Clio Napolitano e si conclude con  la spiegazione del testo della Convenzione  da parte di Bianca Pitzorno. Tutto questo dovrebbe bastarvi per correre ad acquistarlo, no? Se così non fosse, è doveroso dirvi che  i proventi della vendita del libro saranno devoluti al Progetto Scuole per L’Africa che vede l’UNICEF e la Fondazione Nelson Mandela in prima linea nella lotta contro l’analfabetismo e la bassa qualità dell’istruzione in Africa. Un progetto che coinvolgerà oltre 4 milioni di bambini in 11 paesi africani.

Un libro che tutti i bambini dovrebbero leggere per conoscere al meglio i loro diritti e poter “così cominciare molto presto a dare una mano perchè bambini e ragazzi meno fortunati vivano in condizioni migliori” (Clio Napolitano).

Il nostro racconto preferito? Il venditore di storie di Anna Vivarelli. Leggetelo e capirete perché :)


da: millelibriunblog

Submit to Facebook